vpn
Attualità, Cultura

Censura e VPN: migliori VPN per la Cina e breve guida ai protocolli

Come promesso aggiorniamo la lista di VPN per la Cina che ti abbiamo mandato qualche settimana fa. I vpn vengono aggiornati periodicamente per stare al passo con le nuove dinamiche della censura che vengono migliorate con costanza soprattutto in Cina.

Ultime dal mondo dei VPN

Nei giorni scorsi è girata molto una notizia secondo la quale i VPN sarebbero diventati all’improvviso illegali in Cina. La verità è che, come al solito, la stampa interpreta male le notizie e le riscrive senza verificare. In Cina sono sempre stati illegali i VPN, nel senso che è illegale creare VPN con server in Cina o operare business in Cina che abbiano tra i prodotti un VPN, oppure utilizzare VPN non approvati per gestire operazioni commerciali transnazionali. Questo vuol dire che se Microsoft o grandi aziende che operano in più Paesi vogliono accedere a server esteri, devono farlo con VPN sotto la supervisione del governo. Non esiste una legge in vigore che impedisca l’uso individuale del VPN, come non è possibile che leggi cinesi si applichino a servizi VPN che hanno sede e che operano in altri Paesi.

Per dovere di chiarezza, i servizi VPN che elenco in questi articoli operano tutti all’estero, hanno server situati all’estero e non rientrano nella giurisdizione cinese (spero che qualche avvocato non mi spari). Questo vuol dire che non sono illegali. Non è nemmeno illegale per il governo cercare di bloccare un servizio VPN: consigliamo quindi di ternersi sempre un opzione B quando si acquista un servizio del genere. Il servizio VPN, tra i più utilizzati, che è più spesso oggetto di questi “attacchi” da parte del governo è di gran lunga Astrill (per questo non l’ho incluso nella lista). Gli attacchi e le limitazioni sono più frequenti durante giorni considerati sensibili, cioè in corrispondenza di anniversari importanti o grandi eventi politici.

Utilizzare il protocollo più sicuro

Per l’utilizzo ottimale di un VPN bisognerebbe smanettare un pochino con le impostazioni. E’ probabile infatti che non riusciate a connettervi a un server per una questione di scelta infelice di protocollo, oppure di un livello di crittaggio della connessione troppo alto. I protocolli hanno delle sigle apparentemente senza significato, ma andiamo a vedere cosa vogliono dire in parole povere:

  • PPTP: anche chiamato point to point tunnelling, è tra i protocolli basati su tecnologia Microsoft più vecchi e anche quello con più falle di sicurezza. Secondo la mia esperienza è il protocollo che assicura una velocità maggiore e una stabilità inferiore.
  • LT2P: Layer 2 Tunnel Protocol ha 2 principali difetti: la connessione lenta a causa della necessità di convertire il segnale e l’assenza totale di crittaggio. Deve essere usato con un sistema di criptaggio esterno (la maggior parte dei vpn lo offrono). Non è il più sicuro e nemmeno il più veloce, diciamo che quando non funzionano gli altri potete provarlo!
  • SSTP: è il più sicuro e veloce dei protocolli tradizionali, tuttavia non è al livello del prossimo. Dalla mia esperienza è abbastanza stabile e veloce.
  • OpenVPN: rende il traffico praticamente indistinguibile dal traffico normale e per questo è difficile da bloccare. Offre sicurezza e velocità massimi. Assicuratevi che il vostro VPN supporti questo protocollo e sia sempre impostato su OpenVPN.
  • Ike: o Internet Key Exchange, presente solo su alcuni servizi, è tra i protocolli più veloci e sicuri. Esistono versioni di questo protocollo basati su tecnologia Microsoft e altri open source, in generale tutti assicurano stabilità e velocità maggiori rispetto a tutti i protocolli tradizionali.

In conclusione, i protocolli consigliati sono OpenVPN e Ike laddove fosse possibile utilizzarli.

I VPN consigliati da ABCina

Per i VPN gratuiti vi rimandiamo direttamente all’articolo uscito la volta scorsa, rammentandovi che usare un VPN gratuito costituisce spesso un rischio per i vostri dati e la vostra identità, oltre ad offrire un servizio spesso instabile e lento. Consigliamo quindi di usare un VPN gratuito solo in caso di estremo bisogno oppure come mezzo per accedere al download di VPN a pagamento se vi trovate già in Cina.

Prima di elencarvi quelli che secondo noi sono i VPN migliori per navigare liberamente durante tutto il 2017, voglio ricordarvi che al momento dell’acquisto di un VPN spesso sui siti dedicati trovate dei buoni sconto, che appaiono aspettando qualche secondo o lasciando aperta la pagina per un po’ con qualche popup. Di solito potete richiedere anche una prova gratuita che può andare dai 3 ai 30 giorni a seconda del servizio.

Express VPN (tutte le piattaforme)

Un po’ più caro rispetto alla concorrenza, è riconosciuto come il servizio VPN migliore al momento da molti esperti del settore. Dopo averlo provato personalmente posso confermare che si tratta di un VPN che assicura stabilità, velocità e sicurezza sia da pc che da mobile. (Protocolli: pptp, sstp, l2tp, OpenVPN)

NordVPN (tutte le piattaforme)

Prima new entry della nostra lista, è in realtà tra i servizi che offrono una qualità/prezzo tra le migliori. Vi basterà dare un’occhiata alle recensioni online per capire che siete di fronte a uno dei VPN migliori in circolazione, ad un prezzo assolutamente competitivo. (Protocolli: pptp, sstp, l2tp, OpenVPN, Ike)

IPVanish (tutte le piattaforme + Linux e Chromebook)

Seconda new entry, è un servizio che vanta app ben sviluppate e user friendly (una rarità tra le app vpn), oltre a essere utilizzabile anche con OS come Linux, sebbene con qualche difficoltà in più. Assicura una connessione stabile e la massima riservatezza. Una piacevole sorpresa per il 2017. Unico difetto: il supporto non offre il servizio di Live Chat. (Protocolli: pptp, sstp, l2tp, OpenVPN)

Pure VPN (tutte le piattaforme)

Non lo raccomanderei come sostituzione di Express VPN, tra i due non ci sono paragoni. La app sia per desktop/mac che per le piattaforme mobile è aggiornata periodicamente e a quanto pare è diventata un po’ difficile da utilizzare al meglio per un utente base. Gli aggiornamenti hanno permesso di risolvere molti dei bug presenti soprattutto su mobile e di rendere la connessione più stabile. Nonostante io trovi che gli sviluppatori debbano impegnarsi ancora per migliorare il servizio, PureVPN rimane comunque uno dei VPN consigliati. (Protocolli: pptp, sstp, l2tp, OpenVPN, Ike)

Strong VPN (tutte le piattaforme)

Buon servizio, buona stabilità sia su mobile che su desktop. Consigliato. (Protocolli: pptp, sstp, l2tp, OpenVPN)

VPN.ac (tutte le piattaforme)

Raccomandato da tutti i siti specializzati, dopo averlo provato per 1 mese posso confermare che si tratta di una piattaforma fatta come si deve. Consigliato. (Protocolli: pptp, l2tp, OpenVPN)

Ci sono decine di VPN di medio livello, ma questo articolo è dedicato solo ai migliori!

Se pensi che abbiamo dimenticato di citare un VPN spettacolare ed economico o vuoi raccontarci la tua esperienza con i VPN in Cina, scrivi nei commenti!

Domanda: e tu, hai usato uno di questi VPN? come ti sei trovato?

Previous Post Next Post

You Might Also Like

4 Comments

  • Reply Francesco 3 febbraio 2017 at 9:51

    Ciao io uso Vypr vpn, l’ho usato sia su Windows nel pc che su iPhone e iPad e funziona bene. Raramente mi ha lasciato a piedi

    • Reply Anto 3 febbraio 2017 at 9:53

      Ciao Francesco grazie del commento. In effetti non conoscevo Vypr e da quello che vedo ha tutte le carte in regola per essere incluso nella lista, forse è giusto un po’ caro. Lo tengo in considerazione per il prossimo aggiornamento!

      Anto

    • Reply Jappo 3 febbraio 2017 at 11:49

      Felice che a Francesco vada sempre bene ma personalmente ho sentito più di una persona dire che Vypr gli ha dato alcuni problemi. C’è però da dire sinceramente con le varie strette regolari da parte della Cina, penso che tutti i VPN possano incontrare questi problemi per qualche giorno

  • Reply Gigi 10 febbraio 2017 at 17:51

    Vivo in Cina e uso VyprVPN da un anno. Mai avuto problemi. In più usa un protocollo proprietario molto veloce. Per me è la migliore.

  • Leave a Reply

    Rimani aggiornato e ricevi i contenuti in regalo
    Iscriviti e ricevi La guida a Taobao, la guida all'ecommerce cinese, e tanto altro!
    Non mostrare più