fiere in cina
Business

Fiere in Cina – come prepararsi e perché partecipare – I parte

Esplorare il mercato, trovare partner commerciali, mantenere la visibilità, creare momenti di aggregazione e confronto con i propri clienti o fornitori, sono tutte ragioni per cui vale la pena partecipare a fiere in Cina.

Il mercato delle fiere in Cina è in continua, sebbene ormai lenta, espansione. Nonostante alcuni possano ritenere la spesa superflua, partecipare ad una fiera può rivelarsi indispensabile per chi si approccia al mercato e necessario per chi in Cina invece opera da anni.

Esplorare il mercato

Entrare nel mercato cinese è un’operazione che richiede tempo e investimenti. A meno che non si disponga di grandi capitali è necessario muoversi con cautela ed esplorare il campo per mesi, se non anni.

Partecipare ad una fiera di settore può essere un modo per iniziare a conoscere la situazione reale del mercato di riferimento, determinare la quantità e la qualità della concorrenza, creare contatti e iniziare a pubblicizzare il proprio marchio.

Se si partecipa ad una fiera in Cina per la prima volta è bene prima individuare la regione in cui si vuole operare, capire quale fiera viene visitata di più e ritenuta la più specifica per il proprio settore.

Partecipare ad una fiera troppo generica rischia di essere un investimento inutile di tempo, soldi e forza lavoro e può dare l’impressione che non ci siano opportunità adatte alla propria azienda.

Comunicare con le istituzioni italiane e/o partecipare a fiere di settore sotto l’ombrello istituzionale può essere un’ottima soluzione per piccoli e medi business in cerca di nuove opportunità in Cina.

Quando si muovono i primi passi in Cina attraverso fiere ed eventi di settore non ci si può aspettare di vendere i propri prodotti e tornare a casa con un ordine. Questo non capita quasi mai.

L’obiettivo è piuttosto, nella maggior parte dei casi, capire la condizione del mercato, trovare potenziali distributori o un rappresentante che possa garantire presenza e contatti in loco o almeno iniziare a raccogliere i primi biglietti da visita per esplorare questa possibilità in futuro.

E’ altrettanto importante infatti continuare a mantenere i contatti con le aziende che si ritengono più compatibili, iniziando subito dopo la fine dell’evento a cui si partecipa.

Soprattutto in fase di esplorazione e di entrata nel mercato è raccomandato trovare delle persone che possano aiutare nella comunicazione. Studenti e giovani lavoratori free lance possono essere una soluzione, ma bisogna assicurarsi che la persona che si sceglie:

  1. Sappia il cinese davvero.
  2. Sappia trasmettere le informazioni rispettando le usanze e i costumi locali

Non si tratta di nulla di trascendentale, ma un interprete che traduce alla lettera le conversazioni non risulta in realtà così utile per stabilire una relazione di fiducia e amicizia con un contatto locale.

Bisogna trovare qualcuno che conosca l’etichetta del business in Cina e sappia come rendere la comunicazione piacevole ed efficace.

Il modo migliore per comprendere al meglio le usanze cinesi nel business e migliorare l’impressione che si da di sé, è seguire le regole base della Chinese Business Etiquette.
Fra pochissimi giorni aprirà il corso gratuito in tre video che ti permetterà di comunicare meglio con la controparte cinese, senza necessariamente aver bisogno di imparare la lingua. Cosa aspetti? Iscriviti subito qui per ricevere i link al video-corso non appena sarà online.



Previous Post Next Post

You Might Also Like

1 Comment

  • Reply Fiere in Cina – come prepararsi e perché partecipare – II parte - ABCina 18 settembre 2017 at 7:46

    […] solo chi approccia la Cina per la prima volta può aver bisogno di partecipare alle fiere del proprio settore. Sicuramente chi […]

  • Leave a Reply

    Rimani aggiornato e ricevi i contenuti in regalo
    Iscriviti e ricevi La guida a Taobao, la guida all'ecommerce cinese, e tanto altro!
    Non mostrare più