cinese da strada slang cinese

Sesso e metafore – Cinese Da Strada #51

Non è elegante usare termini troppo espliciti per riferirsi ad atti sessuali, soprattutto su internet, dove si rischia la censura, ma per fortuna la fantasia non manca quando si parla di sesso.

Cosa potrà mai voler dire “sport del pistone”? E “suonare la tromba”? Sapevi che il verbo “mordere” può essere frainteso?

Iniziamo dai pistoni. I pistoni fanno un movimento abbastanza preciso, non è quindi difficile pensare che lo sport dei pistoni possa essere quello che viene definito “dolce su e giù” in una delle pellicole più celebri di Stanley Kubrick.

Quindi l’espressione 活塞运动 Huósāi yùndòng, traducibile come “sport del pistone” non è altro che un riferimento al sesso, lo sport preferito da tutti (quelli che lo praticano).

Che dire dell’espressione “suonare la tromba”? Questa è già più facile: si fa con la bocca e si usa il fiato. Che sia corno, flauto o tromba non è importante. L’importante è che si suoni.

吹喇叭 Chuī lǎbā e 吹箫 Chuī xiāo sono due modi di descrivere la stessa cosa, ovvero il sesso orale praticato da una donna su un uomo.

Stessa cosa, in maniera un po’ più violenta, viene espressa dalla parola 咬 Yǎo. Se dovessi mai imbatterti in un contatto WeChat di una bella ragazza che nella descrizione riporta la parola 咬 Yǎo, non c’è pericolo che qualcuno ti morda. Vuol dire semplicemente che il contatto è di una ragazza molto intraprendente, oppure di una prostituta.

Anche nel descrivere il sesso ci vuole un po’ di fantasia, specialmente con la consapevolezza che il censore non vede di buon occhio le conversazioni esplicite su internet.

Conosci altre espressioni cinesi che si riferiscono al sesso con metafore? Condividile nei commenti e non dimenticare di condividere queste perle con i tuoi amici!

2 thoughts on “Sesso e metafore – Cinese Da Strada #51”

  1. Glen ha detto:

    Non e’ riferita direttamente ad un atto sessuale, ma da qualche anno a Dongguan c’e’ un’espressione molto usata.
    Dongguan in Cina e all’estero e’ conosciuta come “la citta’ del vizio cinese”, per il semplice fatto che la prostituzione era un business comunissimo e proficuo, tanto da contribuire letteralmente in modo significativo al PIL interno della regione del Guangdong.
    Ovviamente il governo ha deciso di intervenire drasticamente nel 2014, facendo chiudere quasi tutti i bordelli della citta’.
    Tuttavia, la prostituzione non e’ assolutamente scomparsa (come potrebbe, del resto), viene solo abilmente occultata.
    Tra molti dei miei contatti di Wechat raccolti casualmente durante cene, sbronze, conversazioni improbabili con individui sconosciuti o serate al KTV, ho notato che alcuni di questi pubblicavano spesso foto di ragazze in pose ambigue, accompagnate dall’espressione 新茶来了 oppure 过来喝新茶 (letteralmente “il nuovo te’ e’ arrivato” oppure “vieni a bere del te’ nuovo”).
    Dopo qualche richiesta di informazioni ho scoperto che 新茶 e’ semplicemente la metafora utilizzata da chi lavora nei bordelli o negli hotel per descrivere un “aggiornamento del menu”, ovvero l’arrivo di una nuova ragazza disponibile ad offrire i suoi “servizi”.

    1. Jappo ha detto:

      Glen assolutamente sul pezzo. Pensa che proprio stamattina stavo pensando a questa espressione del “tè” usato per descrivere le ragazze che ti confermo essere in voga anche nella capitale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.